Quando si parla di Intrusioni, gli sciamani intendono forme energetiche oscure e pesanti che possono provenire dall’esterno o essere create da noi a causa di paure, sentimenti rabbia, angosce, ossessioni o pensieri persistenti. Un’intrusione può essere anche causata da un antenato, da un defunto, da uno spirito della natura.

Queste Intrusioni si collocano dove trova uno spazio vuoto: tutti nella vita abbiamo momenti in cui creiamo vuoti emozionali o relazionali e questi vuoti vanno riempiti di luce altrimenti si cade nell’isolamento e si rischia di lasciare che questo vuoto venga riempito da qualcosa di negativo. A volte una perdita dell’Anima può avere come conseguenza un’Intrusione che si nutrirà dell’energia dell’ospitante. Col trascorrere del tempo può anche “solidificarsi” e trasformarsi in malattia.

Quindi la prima domanda da porsi è: Cosa o chi sto nutrendo in questo momento della mia vita? se siamo ciò di cui ci nutriamo, dobbiamo per forza porci questo quesito.

L’estrazione avviene utilizzando il Viaggio Sciamanico: restando tranquillamente distesi in uno stato di completo relax e di accoglienza, si è avvolti dal ritmo ripetitivo del tamburo o dei sonagli. Durante lo stato alterato di coscienza ci sarà una connessione con gli Spiriti Alleati che aiuteranno a localizzare le intrusioni. Con movimenti che potrebbero includere lievi tocchi con le mani o con oggetti di potere, verranno energeticamente “asportare” le intrusioni che verranno restituite agli elementi della natura.

Terminata l’estrazione, potrebbero esserci ulteriori indicazione per proseguire il riequilibrio della parte che è stata liberata.

IMPORTANTE:  l’estrazione sciamanica è una pratica non invasiva e durante il trattamento l’epidermide della persona non viene mai penetrata in nessun modo. Trattandosi di guarigione spirituale, è altamente consigliato proseguire le cure con la medicina tradizionale e non abbandonare le terapie già in corso.